BRUCE, DETTO “LA BESTIA” e LA PROPAGANDA FOGNARIA TRANSFOBICA DI PRO(?)VITA.

postato in: Propaganda | 0

“Esistono storie che non esistono”, per citare Maccio Capatonda. Infatti non esiste nessun “Bruce la bestia” pugile trans alto 2 metri. Cercate pure, troverete solo la propaganda fognaria e transfobica di pro(?)vita arrivata anche a #Rimini.Esistono invece le storie di decine di migliaia di persone discriminate e umiliate ogni giorno nelle famiglie, nelle scuole, sul posto di lavoro. Persone che vengono derise, insultate e perfino aggredite non di rado, purtroppo, proprio in quelle famiglie tradizionali cui #provita vorrebbe dare il totale monopolio educativo.Non è un’accusa alle famiglie. Nella mia attività pluridecennale nel volontariato ho incontrato molte famiglie che hanno messo l’amore davanti al rifiuto. Purtroppo non succede sempre, e la famiglia da luogo sicuro e protetto a volte diventa un inferno vero per le persone LGBTI.Il #ddlzan è un presidio fondamentale che ha corrispettivi da decenni (di solito ben più incisivi) in tutti gli altri paesi occidentali, che spesso sono stati sostenuti e voluti anche dalle destre. Tranne ovviamente in Italia dove la cifra della destra è il bigottismo neofascista che non si fa scrupoli, come in questo caso, a inventarsi fandonie totali per tirare il freno a mano del progresso sociale e, possibilmente, mettere anche la retromarcia.Non fatevi abbindolare dalle fandonie dei sedicenti pro(?)vita, cercate di conoscere, di capire, di avvicinarvi alle vite vissute delle persone cui stiamo parlando, perché di Bruce La Bestia c’è solo il film di Bruce Lee!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.